[Passo a due] Ogni notte vengo da te

by - agosto 19, 2017




Buongiorno lettori e buon sabato! Oggi vi lascio in compagnia della recensione di Ogni notte vengo da te di Antonietta Mirra (di cui vi lascio l'intervista QUI). Nonostante abbia deciso di non accettare più collaborazioni con autori emergenti, con lei ho fatto un'eccezione. Questo perché sono un'accanita lettrice del suo blog L'amica dei libri e so come scrive. Posso già dirvi che non mi sono affatto pentita!

Continua a leggere

     OGNI NOTTE VENGO DA TE
    di Antonietta Mirra       
    
      CASA EDITRICE: Selfpublishing
      GENERE: Paranormal Romance
      COLLANA: -
      SERIE: -
      PAGINE: 272
      FORMATO: Ebook
      PREZZO: Ora in offerta a 0,99 euro
      DATA D'USCITA: 10.05.2017
      LINK D'ACQUISTO AMAZON: QUI
   

TRAMA: ALASTAIR E'UN UOMO IL CUI CORPO E' ORMAI DIVENTATO COME IL VENTO, CHE VAGA NEI SECOLI, ALLA RICERCA DANNATA DI COLEI CHE AMA E CHE UNA MALEDIZIONE LO HA COSTRETTO A PERDERE, ANCORA PRIMA DI AVERLA AVUTA DAVVERO. HELENA E' UNA RAGAZZA COME TANTE CHE NEL CUORE RACCHIUDE UN IMPRONUNCIABILE SEGRETO: DA ADOLESCENTE INCROCIA NEI CORRIDOI DELLA SCUOLA, LO SGUARDO DI UNO SCONOSCIUTO CHE LE PENETRA L'ANIMA. UN RAGAZZO MISTERIOSO CHE INDOSSA UN CAPPUCCIO, DI CUI INTRAVEDE SOLO I LUNGHI CAPELLI NERI E GLI OCCHI COSI' INTENSI DA IMPEDIRLE DI DIMENTICARLI. DA QUEL MOMENTO NON LO VEDRA' PIU' MA SARA' DISEGNANDO IL SUO VOLTO CHE TENTERA' DI TENERE QUEL RICORDO ANCORA IN VITA NEL SUO CUORE. QUANDO TUTTO ORMAI SEMBRA PARTE DEL PASSATO E DELLA MEMORIA, L'INCONTRO CON EMILY, UNA RAGAZZA CHE AMA SCRIVERE, SCONVOLGERA' LA VITA DI HELENA, CONDUCENDOLA AD UN BIVIO CHE LA FARA' TREMARE: CREDERE O NON CREDERE CHE LA SCRITTURA POSSA DONARE LA VITA E RIPORTARE COLUI O COLEI CHE AMIAMO? OGNI NOTTE VENGO DA TE E' LA STORIA DI ALASTAIR ED HELENA, LA STORIA DI DUE MONDI LONTANI CHE S'INCONTRANO, DI UNA MALEDIZIONE CHE NON HA FINE FINCHE' QUALCUNO NON LA SPEZZERA', SACRIFICANDO TUTTO IN NOME DI UN AMORE CHE ESIGE SANGUE E MORTE IN CAMBIO DELL'ETERNITA'. MA E' ANCHE LA STORIA DI UN SOGNO, UN SOGNO COSI' GRANDE DA METTERE I BRIVIDI, UN SOGNO CHE QUESTA STORIA Può DONARE A CHI SCEGLIE DI APPARTENERGLI, PER UNA NOTTE O PER SEMPRE.



Come vi ho più volte segnalato sui social, da quando il mio blog è nuovamente online, ho deciso di non accettare più collaborazioni con autori emergenti (le motivazione le trovate nella sezione dedicata ai contatti). Proprio per questo il termine selfpublishing che avrete notato tra i dettagli del romanzo che vi propongo oggi, stride un po'. Nonostante l'età che avanza, non preoccupatevi, non sto ammattendo! Come trovate all'inizio dell'articolo, conoscevo già Antonietta Mirra per il suo splendido blog, grazie al quale ho potuto appurare che amo il suo stile di scrittura. Un modo di narrare che ho subito ritrovato nel suo romanzo, Ogni notte vengo da te.

Antonietta inizia la narrazione da un periodo storico diverso dal nostro, quello medioevale. Qui conosciamo il protagonista maschile del romanzo, Alastair. Giovane e attaccato alla vita, si ricrede troppo in fretta, quando gli accade un episodio straziante che gli cambia per sempre l'esistenza. Un'esistenza che non sarà più la stessa nel vero senso della parola: diviene in qualche modo immortale, seguito costantemente da un'orrenda maledizione
                                                 
Il luogo eterno dei ricordi fatto di silenzio e rassegnazione, è questa la mia casa adesso. 



La maledizione, in un certo senso, lo porta ad incontrare Helena. Lei, così diversa da lui sotto tanti aspetti ed il primo fra tutti, forse il meno trascurabile, è che non è nata nella sua stessa epoca. Helena infatti vive ai giorni nostri. Fin da quando è adolescente racchiude in sé un grande segreto di cui nessuno è a conoscenza, fino a che non incontra Emily.

Helena ed Emily si comprendono fin da subito, ma non solo. Le loro due più grandi passioni sembrano in qualche modo intrecciarsi. La prima disegna. I suoi ricordi e le sue dita sembrano seguire una stessa linea: il volto di un giovane incappucciato che Helena ha incrociato nei corridoi del liceo anni prima. Emily invece scrive, ma nella storia che ha preso forma nel suo fidato taccuino non c'è solo il racconto di due anime destinate ad incrociarsi. C'è di più. Il volto del giovane che Helena imprime sulla carta, Emily lo descrive servendosi delle parole.


La sensazione fu di sollievo. Mi toccai la mano e poi le labbra sentendo ancora la presenza del suo tocco. Avevo il viso bagnato e le lacrime che stavano cominciando a scendere, scomparvero perse tra le gocce.


Antonietta ci regala un romanzo ricco di tensione e di avvenimenti che si susseguono l'uno dopo l'altro senza spesso lasciare respiro al lettore.
I protagonisti li conosciamo attraverso due differenti punti di vista: quello di lei e quello di Alastair in un'alternanza di sentimenti e paure.
Non voglio svelarvi altro della trama per non rovinarvi la lettura.
Passando allo stile, come vi sottolineavo all'inizio, l'autrice scrive davvero bene. Non accade spesso di avere tra le mani un prodotto tanto curato dal punto di vista della scrittura. Ultimamente, noto che i contenuti troppo spesso rimpiazzano uno stile poco incisivo e privo di descrizioni. Qui invece vi accorgerete che le parole vengono scelte con cura, studiate con perizia e l'effetto che arrecano è quello di stupire il lettore.
Il mio voto è stato dunque molto alto. La scrittura è la padrona indiscussa e la storia è ben sviluppata. L'aspetto che mi ha fatto desistere dal dare il massimo punteggio è paradossalmente lo stesso che mi ha così tanto rapita. Lo stile è appunto fluido e ben architettato, ma in alcuni punti avrei preferito riuscire ad immedesimarmi di più nei protagonisti. Spesso non mi è stato possibile, proprio a causa dello stile. Nonostante questa piccola sfumatura, rimango dell'idea che Antonietta ha un talento davvero unico nel mettere insieme le parole. Sembra scontato che uno scrittore scriva bene, ma credetemi non è così!
Penso di aver parlato ormai troppo, ma le cose da dire erano tante. Spero di avervi invogliato a leggere Ogni notte vengo da te. 
Fatemi sapere cose ne pensate e se questa recensione vi è piaciuta, non dimenticate di iscrivervi tra i lettori fissi del blog e di dare uno sguardo al suo splendido angolino!










Potrebbero anche interessarti

4 commenti

  1. Ciao Valentina, grazie infinite per le tue parole e per l'analisi accurata del romanzo. Ti ringrazio soprattutto per avermi scelta, per aver deciso di leggermi nonostante la tua decisione. Oltre ad essere una grande soddisfazione per me, è soprattutto un sollievo e una grande felicità, perchè so di averti trasmesso emozioni e sensazioni che ti hanno dato qualcosa. <3
    Bellissimo il nuovo blog ed originalissima l'idea delle cuffie! *___*
    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  2. Che dire, Valentina?
    Antonietta è nata per scrivere, e deve scrivere, perché ogni cosa che scrive lascia il segno. Ho amato il suo romanzo tanto quanto le sue recensioni. *_____*
    Complimenti per il blog!! Bellissima e soprattutto originale l'idea di unire lettura e musica, e le cuffiette... Davvero originale!! ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il commento! Si è assolutamente un talento😊

      Elimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Contenuti © Bookitipy